ARCHIVIO STORICO CIOCCOLATOMODICA.IT | 2008-2014

In questa pagina potrete trovare tutte le notizie che abbiamo pubblicato dal 2008 al 2014.
Troverete l'ultima news già aperta nella prima pagina, le restanti, sono disposte subito dopo, in ordine dalla più recente alla più obsoleta, distribuite per pagine da 15 notizie ciascuna.
Buona lettura!



CHOCOBAROCCO 2012

Pubblicato il 24 Ottobre 2012

In occasione di Eurochocolate 2012 che è in corso a Perugia fino al 28 Ottobre viene resa pubblica la data del prossimo CHOCOBAROCCO che si terrà a Modica dal 7 al 10 Marzo 2013, questo l'accordo trovato dal Comune di Modica e dal Consorzio di tutela del cioccolato artigianale di Modica.

Seguono aggiornamenti per il fitto programma già in preparazione...

Ciocobrazil

Pubblicato il 22 Settembre 2012

Locandina Ciocobrazil

Vi presentiamo il più grande evento indoor mai svolto in villa Bombrini e nel ponente cittadino che, alla sua terza edizione, ha sancito la rinascita turistica e culturale del quartiere di Cornigliano Ligure.

Un giorno a Modica

Pubblicato il 19 Agosto 2012

Si è svolto a Modica giorno 20 Agosto 'UN POMERIGGIO MODICANO PER PRESENTARE IL RACCONTO-GUIDA PER BAMBINI "UN GIORNO A MODICA" DI ROSA CERRUTO'. In una bellissima cornice festosa ha letto tratti del racconto l' attore Modicano Carlo Cartier, con la presenza del 'nostro' campione olimpico Giorgio Avola. L' organizzatrice Antica Dolceria Bonajuto, insieme a Alessandro Di Rosa della ditta THALASS (realizzazioni in vetro), hanno dato un omaggio ai numerosi visitatori accorsi. Parecchi complimenti sono stati fatti ai Signori Ruta per l' organizzazione della manifestazione a cui si aggiungono i miei e non è mancata nemmeno qualche polemica da ignoti a cui io direi 'perchè non organizzate anche voi incontri del genere, visto che il nostro comune non eccelle nel numero di eventi, del cioccolato e non, nella nostra citta ?' Giuseppe Stracquadanio




Un Giorno A Modica

 

UN POMERIGGIO MODICANO PER PRESENTARE IL RACCONTO-GUIDA PER BAMBINI

“UN GIORNO A MODICA” DI ROSA CERRUTO

LUNEDI 20 AGOSTO, DALLE 19.00 ALLE 21.00

 

Un pomeriggio dal sapore “modicano”, in uno degli angoli più caratteristici della città: il vicolo “Bonajuto”.

Sarà questo il contesto in cui verrà presentato, lunedi 20 agosto dalle 19.00 alle 21.00, il racconto-guida “Un giorno a Modica”, di Rosa Cerruto.

Si tratta di un libro che, attraverso i testi e le illustrazioni della brava artista modicana, racconta Modica, il suo fascino, i luoghi caratteristici, i “misteri” e qualche aneddoto, creando una “favola per bambini”, che diventa una valida guida turistica per quanti vogliono “perdersi” tra i vicoli ed i monumenti del centro storico modicano.

Mi piace pensare a questo libro – spiega Rosa Cerruto – come un racconto-guida rivolto non solo ai bambini, per i quali ovviamente è declinato il linguaggio illustrativo e testuale, ma anche a chiunque abbia voglia di trascorrere una giornata alla scoperta della città”.

Durante la passeggiata, personaggi di fantasia accompagnano il lettore raccontando la storia di Modica, chiacchierando con i mascheroni dei palazzi barocchi, senza mancare di gustare le tipicità gastronomiche e dolciare: su tutte il cioccolato.

Il libro – prosegue ancora l’autrice, che vive in Olanda dove lavora come architetto freelance – non è solo racconto ed illustrazioni. E’ anche un elenco di indirizzi utili e contiene poi una mappa della città. Mi fa molto piacere – continua Rosa Cerruto – aver raccolto già dei commenti molto positivi ed anche degli apprezzamenti attraverso i social network da diversi amici in giro per il Mondo che, avendo avuto copia del racconto-guida in lingua inglese, si sono detti “positivamente suggestionati” da Modica e che “non mancheranno di organizzarsi per fare in modo che i loro figli possano vedere dal vivo i luoghi e gli incanti che hanno letto nel libro”. L’obiettivo è infatti quello di presentare Modica, il suo fascino e le sue eccellenze, in giro per l’Italia ed il Mondo”.

La serata di presentazione, che si svolgerà lunedi 20 agosto dalle 19.00 alle 21.00, nel vicolo “Bonajuto”, dinanzi il Duomo barocco di San Pietro, vedrà l’attore modicano Carlo Cartier leggere tratti del racconto-guida, mentre i bambini avranno l’opportunità di scoprire le illustrazioni originali dell’autrice, che saranno incorniciate in case di cartone, create dell’architetto milanese, ma modicano d’adozione, Marco Giunta, e dall’azienda Disegni.

Durante la serata saranno offerte delle mini-brioche prodotte dall’Antica Dolceria Bonajuto e dei mini-piatti in vetro realizzati da Thalass.

Sarà presente alla serata di presentazione del racconto-guida anche il campione olimpico Giorgio Avola, per il quale “questo libro rappresenta un ulteriore importante momento per far conoscere Modica nel Mondo. E’ questo un obiettivo che ciascuno di noi deve prefiggersi di raggiungere in ogni ambito in cui può operare, sia esso quello dello sport o quello dell’editoria o in qualunque altro settore”.

 

UN GIORNO A MODICA

Racconto-Guida di Rosa Cerruto

Presentazione – Lunedi 20 agosto 2012 – dalle 19.00 alle 21.00

Vicolo “Bonajuto” – Modica Centro


Presente: Carlo Cartier – attore, Giorgio Avola – olimpionico

 

 


Indice delle notizie della pagina 7

Scegliete il paragrafo che più vi interessa dall'indice seguente e cliccateci sopra, una volta aperto, la pagina scenderà automaticamente per posizionarsi su di esso. Per chiudere il riquadro utilizzare l'apposito pulsante nell'angolo in basso a destra del box.
Buona lettura...


 



Vai alla pagina:  7  -  6  -  5  -  4  -  3  -  2  -  1


 

Marcella Vigneri dall'inghilterra a Casalindolci

Pubblicato il 21 Aprile 2012

Pubblichiamo l'album fotografico di una nostra visitatrice e amante del nostro cioccolato proveniente con i suoi bambini dall'Inghilterra, durante una dimostrazione di produzione di cioccolato presso CASALINDOLCI.

P1060545 P1060546 P1060547 P1060548 P1060549 P1060552 P1060553 P1060555 P1060558 P1060563 P1060569 P1060575 P1060578 P1060579 P1060581 P1060584 P1060585 P1060587 P1060588 P1060589 P1060596 P1060598 P1060603 P1060621 P1060623 P1060642 P1060644 P1060646 P1060648
Chiudi

Ciok Ciok diventa un pesce

Pubblicato il 03 Aprile 2012

Ciok Ciok Diventa Pesce

Dalla seconda edizione del Festival del Cioccolato di Castellana Sicula una foto che ritrae la nostra amica scrittrice Marina Riotto insieme al Gandolfo Saccomanno (laureato in teoria dello spettacolo)  che ha letto il secondo episodio de' "LE INCREDIBILI AVVENTURE DEL GENIO CIOK CIOK dal titolo: CIOK CIOK DIVENTA UN PESCE

La manifestazione è stata un successo. Le strade di Castellana Sicula erano completamente gremite di persone. Può confermarlo anche l'assessore Nino Frasca che è venuto con la moglie e dei parenti. E i bambini erano numerosi davanti alla lettura del genio di cioccolato!

Chiudi

Verso un Itinerario europeo del cioccolato

Pubblicato il 10 Marzo 2012

Itinerario europeo del cioccolato   
Chiudi

Cioccolarte - Torino

Pubblicato il 25 Febbraio 2012

Cioccolarte - Torino   
Chiudi

La follia in scena - parte prima

Pubblicato il 16 Gennaio 2012

Teatro abbonamenti 

Campagna abbonamenti fino al 14 gennaio 2012.

Chiudi

Rockerilla | Gennaio 2012

Pubblicato il 8 Gennaio 2012

Rockerilla Gennaio 

Questo mese ROCKERILLA presenta 'PRODOTTI TIPICI IBLEI'.

Chiudi

Rockerilla | Dicembre 2011

Pubblicato il 20 Dicembre 2011

Rockerilla Dicembre 

Questo mese ROCKERILLA presenta 'I SAPORI DEGLI IBLEI'.

Chiudi

Sulla Via del Cioccolato

Pubblicato il 23 Novembre 2011

Autrice Grazia Dormiente, nostro Direttore Culturale, nasce con lo scopo  di sostenere la candidatura dell'Itinerario Europeo" Passione Barocca - La rotta del Cioccolato"  , presentato recentemente a Chocobarocco 2011 unitamente alla Fine Chocolate Organization.
Dalla Terra del Cioccolato, dolci saluti.
Sulla Via del Cioccolato
Chiudi

SCOMPOSIZIONI - vita o morte in 4 tempi doppia personale di Egle Antoci e Carlo La Perna

Pubblicato il 12 Novembre 2011

Thumb Locandina ScomposizioniAQUILALogoNOTARTEass Web







S C O M P O S I Z I O N I // vita o morte in 4 tempi
DOPPIA PERSONALE di EGLE ANTOCI e CARLO LA PERNA


introduzione critica di Erika Barresi
a cura di Vincenzo Medica

APERITIVO CON GLI ARTISTI: VENERDI 11 /11 /11 h18.30
ingresso libero
orari di apertura 17/20 - chiuso il lunedi
www.comune.noto.sr.it - info 347 6390763

pittura/video/installazioni


Due interpreti dell'oggi presentano due diversi percorsi di scomposizione della realtà che si ricongiungono nelle sale della Galleria di Arte Contemporanea "Centro di NOTOrietà" del Comune di Noto.
Carlo La Perna parte dal mondo composto con un materiale significativo, la juta dei sacchi del caffè che rappresenta tutto quel mondo che è a uso e consumo di quella parte consumata e consumistica che è finanza, sfruttamento organizzato. Da questo la scomposizione delle forme guidate dalle note sempre imprevedibili, forti e prepotenti dei quattro valzer di Franz Liszt. In questo ambiente si trovano le forme miste di tessuti e materiali, colori e strappi, figure scomposte dall'informalità del pensiero e dell'idea della visionaria concretezza dell'autore. Anche in questo caso è significativo il modo in cui le tensioni di tessuti scoprono una realtà sempre scomposta – in termini borghesi – che viene sorpresa sotto ogni strato del quotidiano come se si levasse a colui che guarda il velo della cecità dinnanzi la violenza inquinante dei padroni del mondo.
Per Egle Antoci la scomposizione è nel fattore primo dell'essere donna, nuda, mercificata, senza riscatto se non nella morte, forse. La società è una colt carica messa in mano all'autrice di questi quadri autoritratti scomponibili e complessi. In uno degli studi l'arma è addirittura al centro come se destrutturasse un gioco innocuo da falò come quello della bottiglia in una crudele roulette russa che sembra smembrarle il corpo in pezzi interi, in una operazione quasi chirurgica. Tutto questo sembra dipingere una realtà violenta che pone la morte come alternativa all'oggi, al quotidiano, all'essere donna. L'altro fattore è la donna che autoritratta colei che dipinge e la pone non come essere femmineo ma come rappresentante della umanità tutta, la donna in quanto procreatrice è la fonte, a questa fonte bisogna porre un'argine per controllare e disporre di ognuno di noi come innocui consumatori.

:::::::::::::::::::::///////////:::::::::::::::::::::::::
EGLE ANTOCI
Nata a Siracusa il 08/06/1981, nel 2009/2010 conseguito la Laurea di primo livello in “Arti Visive e discipline nello spettacolo”, con indirizzo Pittura, Accademia di Belle Arti “Lorenzo da Viterbo” (Viterbo).
MOSTRE
•“La Luce”, 13 Dicembre 2007, Palazzo dell’Accademia di Belle Arti, Siracusa.
•“I Colori del Teatro”, 21/31 Maggio 2008, Palazzo dell’Accademia di Bella Arti, Siracusa.
•“In Contemporanea”, 14/30 Giugno 2008, Palazzo dell’Accademia di Belle Arti, Siracusa.
•“La Pietra Racconta”, 9/24 Agosto 2008, Anfiteatro Sampieri, Ragusa.
•“I Segni del Contemporaneo”, 15 Novembre 2008, INA Assitalia, Siracusa.
•“Sicilia Sicily”, 12/31 Maggio 2009, Museo d’Arte Contemporanea, Siracusa.
•“Imprese di Donna”, 2/7 Giugno 2009, Antico Mercato d’Ortigia, Siracusa.
•“La Natura Morta nelle Arti Figurative”, 20 Giugno 2009, , INA Assitalia, Siracusa.
•ESTEMPORANEA: “Notte Bianca”, 11 Luglio 2009, Piazza di Solarino.
•“Le Forme e i Colori del Val Di Noto” 20 Luglio/22 Agosto 2009, Anfiteatro Sampieri, Ragusa.
•“L’Atelier del Borgo, Galleria d’Arte a cielo aperto”, 18 Agosto 2009, Borgo Alto, Cassibile (SR).
•“Viaggio a Siracusa”, 3/30 Dicembre 2009, C.so Umberto Siracusa.
•“Luci e Ombre alla Borgata”, 27/28 Marzo 2010, S. Lucia, Siracusa.
•“Resurrexit”, 10 Aprile 2010, donata alla Galleria d’Arte Contemporanea “S. Maria”, Siracusa.
•“Le Bandiere della Costituzione”, 18 Maggio 2010, donata alla comunità di Librino, Catania.
•“NotArte festival”, 6/25 Agosto 2010, via Nicolaci, Noto.
•“ManiFestAzione”, 11/12 Dicembre 2010, Antico Mercato d’Ortigia, Siracusa.
:::::::::::::::::::::///////////:::::::::::::::::::::::::
CARLO LA PERNA
è nato a Ragusa nel 1978 e vive dove lo porta il lavoro nei vari ambiti artistici di sua competenza. Nel 2007/2009 ha conseguito il Diploma Accademico di II° livello in “Arte visive e discipline dello spettacolo” : in Pittura / Accademia di Belle Arti “Fidia” Stefanaconi (Vibo Valentia).
MOSTRE
Estemporanea a Scicli nel 2005.
Collettiva “Il mondo domani.” a Comiso 2005.
Arte in vetrina presso Ragusa 2006.
Estemporanea a Ibla 2006.
Estemporanea “Arte e musica” a Comiso 2006.
Mostra presso The Columbus Centre a Toronto Canada nel 2006.
Estemporanea a Ibla 2007.
Estemporanea “Arte e musica” a Comiso 2007.
Collettiva “PasquArte” a Comiso 2007.
Estemporanea a Mineo 2007.
Estemporanea a Santa Croce nel 2008.
Mostra a Santa Croce nella Coldiretti 2008.
Teatro “Artemia” a Ragusa 2008.
Collettiva per “La notte bianca” a Ragusa 2008.
Collettiva a Ispica, “Estate ispicese” 2009.
Mostra personale Tramando presso il pub Il Blu a Siracusa 2010.
Collettiva Art Incontro a Ragusa 2010.
Mostra personale Tramando presso il locale Salta Tempo a Ragusa 2010.
Collettiva Il novecento presso Ragusa 2011.
Collettiva “Forme e Colori al Castello” Castello di Donnafugata Ragusa 2011.
 
 


Questa newsletter è inviata a più di 3500 utenti, tra artisti, galleristi, critici, professionisti, o semplici appassionati d'arte.
Se non vuoi più riceverla basta scriverci "CANCELLAMI".

 

 

This newsletter is sent out to more than 3500 users, artists, gallerists, criticians, art professionals or just art lovers.
If you don't want to receive it any more, reply writing "CANCEL".


 
 
______________________________________________
Vincenzo Medica   architetto | designer | direttore di scena
Studio Barnum   contemporary
NotArte   artisti associati del Val di Noto
Centro di NOTOrietà  Ex Collegio dei Gesuiti
 
via Silvio Spaventa, 4
corso Vittorio Emanuele, 91
96017 - Noto - Sicilia
+39 347 6390763
+39 0931 574797
vimedica@studiobarnum.it
www.studiobarnum.it
www.notarte.it
Chiudi

Tam tam volontariato

Pubblicato il 23 Ottobre 2011

Tam tam volontariato
Chiudi

Il vicesindaco Enzo Scarso ci mette al corrente della prima, e già ricca, copia del programma di Chocobarocco 2011, seguono aggiornamenti.

Pubblicato il 18 Settembre 2011




2. PROGRAMMA ATTIVITA’

 

 

PROGRAMMA MANIFESTAZIONI FESTA 2011

                           

                           Installazioni ed eventi spettacolari

 

« Modica è un'inaspettata meraviglia... È un effetto bizzarro, unico, qualcosa di addirittura irreale come visto nel prisma deformante del sogno, come un immenso fantasmagorico edifizio di fiaba... » (Lionello Fiumi)

 

 

 

Per i 5 giorni e le 5 notti più dolci dell’anno, si è pensato di realizzare nel quartiere barocco un intervento di spettacolarizzazione capace di esaltare le bellezze architettoniche e fare vivere allo spettatore quel senso di stupore, esaltazione e grande emozione evocato dal claim dell'edizione 2011 di Chocobarocco.

Punto di partenza l’unicità degli elementi e la ricchezza di stimoli creativi forniti dal luogo: proiezioni architetturali, suoni, luci, installazioni d'arte, musicisti, acrobati e performer faranno vivere in modo sorprendentemente nuovo le facciate, i balconi, le scalinate, i vicoli e le strade della Città.

 

Una regia creata appositamente sul tema dell’evento che mescolerà vari  momenti :

 

  1. Arte a Cielo Aperto

Un lungo tratto di Corso Umberto diventerà una galleria d'arte grazie all'intervento di 12 artisti che realizzeranno altrettante opere di grande formato ispirate dal tema del cioccolato, delle farfalle, del barocco e della passione.

 

  1. Installazione Urbana

Piazza Municipio ospiterà la riproduzione di una grande piramide Azteca, dalla cui civiltà gli spagnoli appresero la ricetta del cioccolato, sormontata da una clessidra dentro la quale non scorrerà sabbia, ma cacao.

 

  1. Proiezioni e giochi di luce

L'illuminazione pubblica - dal Teatro Garibaldi a Piazza Municipio – lascerà il posto ad una serie di giochi di luce e immagini sulle facciate dei più importanti edifici del quartiere barocco.

Per il Palazzo di Città, nel cui cortile sarà ospitata “La casa delle farfalle”, verrà poi realizzato uno spettacolare video 3d con protagonisti il cioccolato e le farfalle. La proiezione andrà in loop per tutta la durata della manifestazione e rappresenterà l'elemento di passaggio tra la parte artistica e quella commerciale della manifestazione.

 

4      Performance artistiche

            Lungo tutto Corso Umberto, su terrazze, tetti e pareti si alterneranno nei             cinque giorni vari artisti provenienti dal Cirque du Soleil e dalle più    importanti accademie del mondo. Percussionisti, flautisti, violinisti, attori         e acrobati animeranno le notti della manifestazione. Tra gli altri         ricordiamo: Paolo Carta con un suggestivo e originale spettacolo di arte con      la sabbia; gli Ottoni Animati con il loro sound esplosivo risultato   di un mix       tra le sonorità della banda tradizionale           siciliana e la musica             etnica moderna; Eventi Verticali con le loro coreografie aeree        interpretate sulle facciate dei palazzi in totale             sospensione; Robert          Tiso, capace di         suonare i capolavori della musica          barocca utilizzando bicchieri di   cristallo; il duo Glow Show, con uno spettacolo mozzafiato           caratterizzato da coreografie di colori associate a giocoleria,  danza e      tecnologia.

 

 

 

 

 

                      «1960. Il mondo ai tempi de "La dolce vita"».

 

E’ la rassegna espositiva prodotta dalla Biblioteca del Senato della Repubblica “Giovanni Spadolini” che a cinquantuno anni dal capolavoro di Federico Fellini

l'Emeroteca della Biblioteca del Senato propone al pubblico un percorso espositivo che narra l'Italia del 1960 attraverso la rappresentazione che di quell'anno-cerniera, tra la fine di un'epoca e l'inizio di una nuova, diede la stampa italiana quotidiana e periodica. Una fase in cui i media non furono solo testimoni dell'ondata di cambiamenti che interessò la politica, l'arte e il costume, ma furono pure protagonisti significativi con la proposizione di nuovi modelli e linguaggi per mezzo dei quali contribuirono a dare vita ad una nuova stagione.

Il 1960 è l'anno del capolavoro di Fellini e della dolce vita, delle corride dei "paparazzi" in via Veneto, ma anche del boom economico e della televisione che entra nelle case degli italiani con programmi che faranno storia, da 'Non è mai troppo tardi' del maestro Manzi a Tribuna elettorale. Anno delle Olimpiadi romane e della scomparsa di Fausto Coppi, della lunga crisi politica dal Governo Tambroni alle "convergenze parallele", ma anche anno della grande ondata di decolonizzazione africana, dei primi segnali della crisi di Cuba e della elezione di John Kennedy alla Casa Bianca.

Uno spaccato dell’Italia che le giovani generazioni sconoscono malgrado ciò continui a costituire il serbatoio della “ricchezza” italiana nel cinema, nelle arti, nella moda, insomma ciò che oggi è definito il “Made in Italy”.

Lo scopo della mostra, che ha esordito nell’emeroteca del Senato della Repubblica e poi ancora alla mostra del cinema di Roma nel 2010 e infine al festival del Giornalismo di Perugia nel 2011 ospitata nella Rocca Paolina, è quello di offrire al pubblico uno spaccato di quegli anni d’oro dell’Italia degli anni ’60 perché sia da esempio e da auspicio per costruire una società migliore, a cui guardare soprattutto oggi in piena epoca decadentista e di crisi dei valori.

Modica in occasione di “Chocobarocco 2011” intende ospitarla, a proposito delle dolcezze del cioccolato modicano…, nel nuovo auditorium di San Francesco La Cava” sistemando in modo organico i pannelli che contengono le varie sezioni della mostra: politica, pubblicità, costume, pubblicità e il cinema con la sua icona più riconoscibile di quegli anni: “La Dolce Vita” di Federico Fellini.

Per il giorno della inaugurazione l’amministrazione comunale ha inteso invitare, per un commento critico della mostra, il critico cinematografico Tatti Sanguinetti, amico personale di Fellini peraltro, e un testimonial d’eccezione ovvero Rino Barillari il principe dei “paparazzi” romani( in un pannello molte delle sue foto di quegli anni).

Il fotografo che ha strappato le immagini della dolce vita romana per consegnarle alla fama italiana nel mondo.

La mostra sarà essere inaugurata il 28 ottobre e rimane aperta sino alle festività natalizie.

 

 

                                      Casa delle Farfalle.

 

In occasione della manifestazione ChocoBarocco 2011  all’interno del chiostro del comune sarà  allestita anche una struttura atta ad ospitare delle meravigliose farfalle vive. La casa delle farfalle però sarà aperta al pubblico a  partire dal 3 ottobre 2011 e all’interno della stessa sarà fatta la conferenza stampa a promozione dell’evento trainante ChocoBarocco 2011.

Nelle edizioni precedenti di ChocoBarocco l’affluenza registrata è di circa 10.000 persone concentrate solo nei pochi giorni della fiera, quest’anno però oltre ad aver prolungato di due giorni la fiera stessa, l’evento Casa delle Farfalle avrà una durata di circa un mese e quindi è prevista un’affluenza nettamente maggiore. È inutile dire che l’evento sarà promosso su canali diversi passando per il web, la televisione  ecc ecc…

La casa delle farfalle è una serra tropicale, all’interno della quale ognuno avrà la possibilità di passeggiare in mezzo a una rigogliosa vegetazione ed osservare da vicino alcune tra le farfalle più appariscenti del mondo, mentre si alimentano, volano o si riposano in un ambiente che riproduce il loro habitat naturale. Per rendere l’esplorazione della Casa delle Farfalle più accattivante e costruttiva, biologi ed entomologi guideranno i visitatori ad immergersi nell’affascinante mondo delle farfalle, svelando loro tecniche adattative e curiosità. Si potrà scoprire e seguire da vicino il ciclo vitale delle farfalle, i più fortunati potranno addirittura assistere in tempo reale e dal vivo a quell’incantevole momento in cui la farfalla esce dalla sua crisalide e inizia a stendere le ali per poi lentamente librarsi in volo.
Durante il percorso i visitatori possono guardare, e in alcuni casi anche toccare dal vero e dal vivo non solo i bruchi e le crisalidi delle farfalle e i vari tipi di bozzoli delle falene, ma anche altri insetti famosi per le loro caratteristiche uniche come gli insetti stecco e le blatte fischiati del Madagascar (fossili viventi dell’Era Primaria).

L’esplorazione della Casa delle Farfalle è un’imperdibile esperienza  rivolta anche alle scuole, essa infatti ha l’obbiettivo non solo di emozionare i suoi visitatori ma anche quello di catturare l’attenzione, far nascere passioni e rafforzare la nostra convivenza con la natura. La Casa delle Farfalle quindi si trasforma in uno strumento didattico d’impatto, poiché semplice, divertente e costruttivo.

L’allestimento della Casa delle Farfalle, risulta essere anche un’attività ecosostenibile.

-       Le farfalle ospitate nelle case delle farfalle di tutto il mondo provengono da “butterfly farm”, cioè allevamenti di bruchi distribuiti in vari paesi tropicali, gli stessi Paesi che purtroppo sono colpiti dalla deforestazione. Per questo, negli ultimi anni, sono nate diverse “butterfly farm” che, producendo e vendendo migliaia di crisalidi, hanno creato un’economia alternativa che spesso ha sostituito l’allevamento di bestiame o la coltivazione, attività che implicano la distruzione della foresta. Peraltro attività  poco redditizie poiché al contrario di ciò che può sembrare, il suolo su cui cresce una foresta pluviale è così povero di nutrienti da sostenere una coltivazione solo per pochi anni. Tanta sterilità è dovuta all’elevata piovosità che, dilavando i terreni, ne sottrae i nutrienti fondamentali per lo sviluppo di una nuova vegetazione.  

La Casa delle Farfalle allestita a Modica  acquisterà circa  5000 crisalidi da allevamenti tropicali, contribuendo a mantenere queste attività eco-sostenibili. Visitare una casa delle farfalle permette alle butterfly farm di esistere e rappresenta un piccolo ma concreto aiuto per le foreste e gli uomini che vi abitano.

 

La Casa delle Farfalle rimarrà aperta tutti i giorni dal 3 ottobre al 7 novembre dalle 9:00 alle 19:00. Tutti i venerdì sera l’orario di apertura al pubblico sarà prolungato anche alle ore serali e la casa delle farfalle si trasformerà in “Jazz con le farfalle”. All’esterno della serra tropicale che ospita le farfalle si potrà ascoltare musica dal vivo degustando cioccolato di Modica e sorseggiando del buon vino.

All’interno della casa delle farfalle saranno presenti molte piante vere che daranno alle farfalle la possibilità di sentirsi protette dall’ombra di una foglia quando decideranno di riposarsi o dormire, o serviranno d’appiglio quando le farfalle decideranno di farsi ammirare dai nostri visitatori. Le farfalle saranno tante e tutte avranno bisogno di alimentarsi, fornire a tutte nettare di fiori veri è impossibile, (come del resto lo è per tutte le case delle farfalle anche quelle in pianta stabile), quindi in noi nasce l’esigenza di mettere a disposizione delle farfalle, dei fiori finti per poter effettuare  un’alimentazione artificiale, esse ovviamente sarebbero attratte dai colori di questi fiori e con naturalezza andrebbero spesso a poggiarsi su di essi.

 

                      Le Foto Stenopeiche di Noris Lazzarini

 

A vederlo da fuori sembra il camper di una famiglia di clown con le pareti azzurro cielo e i disegni infantili, ma quando la porta si apre il Ludobus ti accoglie in un mondo di meraviglie in bianco e nero, formato 13x18. “Siamo nel regno della fotografia stenopeica. Al posto di obiettivi e macchine fotografiche, estrae dall’armadio otto scatole di latta: piccole come un pacchetto di sigarilli o una lattina, tonde e quadrate, ex scatole di gianduiotti o di bottiglie di liquori. Strane, a forma di automobile, scomponibili. E ancora, le zucche, allungate o a pera: fatte essiccare, tagliate e dipinte all’interno di nero.

A renderle “magiche”, un piccolo foro (“stenos opaios” lo chiamavano i greci, ndr) fatto con un punteruolo e “momentaneamente” chiuso dal nostro isolante, che viene tolto solo per lo scatto. È da qui che la luce filtra e imprime sulla carta fotografica il mondo esterno. Ribaltato, così come accade nel nostro occhio: una camera oscura naturale. “Sarà compito del cervello, raddrizzarla” , mentre alla luce rossa della lampada immerge in quattro bacinelle diverse (sviluppo, arresto, fissaggio e acqua) la fotografia appena fatta. Un negativo che, a contatto con altra carta fotografica, e con la pressione di un vecchio bromografo, in pochi istanti, produrrà il positivo. 

Se fosse  nata cent’anni fa , Loris Lazzarini autrice delle foto, sarebbe  stata una degna allieva di Nadar”. Una città in comune tra lei e quel fotografo che affascinava con i suoi ritratti la Parigi di fine Ottocento: proprio nella capitale francese, a poco meno di 40 anni, Noris fa i suoi primi esperimenti. “Era il 1993 e da sempre ero innamorata della fotografia –racconta-. A Milano per dieci anni avevo curato le mostre della galleria Il diaframma, ma volevo esprimermi in maniera diversa”. Ci prova, con un libro di Ando Gilardi e della “Banda del buco”, che legge e rilegge, finché nell’atelier di un’amica artista, a Montemartre, esegue il primo scatto: un ritratto che mi mostrerà in seguito nel suo studio-laboratorio, altra stanza delle meraviglie ma “parcheggiata” nella sua casa di Robbiate, in provincia di Lecco. “Quell’esperienza mi ha insegnato ad avere fiducia in me e nelle possibilità degli altri”. 

Una passione che Noris decide di trasmettere nei corsi che organizza per adulti e bambini prima in Colombia, dove soggiorna per nove mesi e ritorna appena può, poi in Italia e in Svizzera. “A Bogotà mi presentavo con la mia lattina ai ragazzini di strada che rubavano le Nikon ai turisti, me compresa –ricorda-: era quasi imbarazzante, ma in quei pomeriggi condividevamo il piacere della fotografia, dove il risultato non dipende dal costo dell’apparecchiatura, ma dal metodo che utilizzi e dal tuo sguardo sulle cose”. 

La “missione” di Noris, “Solidal foto in scatola -progetti di solidarietà cercansi”, prosegue anche oggi, in tutta Italia, grazie al suo Ludobus trasformato in una “macchina fotografica” gigante che l’accompagna in casa della gente, alla sagre di paese, nelle scuole dove a fine anno ha tenuto dei laboratori per realizzare insieme ai bambini “la loro foto di classe”. Un’occasione unica che ha un prezzo, diverso in base al tipo di attività e dalla distanza da percorrere: si va dalle 200 euro per un laboratorio di quattro ore a scuola in su.

I progetti continuano: ultimi nati, il memory con le carte in positivo e negativo e la scatola “stenostopica stenopeica”, antenata degli occhiali 3D. “Da piccola sognavo un carrozzone da circo -sorride-: a 60 anni mi comprerò una motocicletta rossa per attraversare la Colombia”. E c’è da giurarci che Noris lo farà, con la sua Leica ben posizionata sul serbatoio. 

 

                        L’Italia di cioccolato in miniatura

Una grande Italia realizzata interamente con cioccolato di Modica.   E’ questo uno dei più importanti eventi che caratterizzerà l’edizione 2011 di chocobarocco e che sarà ospitato nel salone di rappresentanza del Palazzo delle Cultura. Sarà attraverso questa maxi installazione, lunga oltre 1o metri e dal peso di 10 tonnellate che chocobarocco  intende festeggiare  il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, anticipando, con un’edizione straordinaria, l’apertura della manifestazione  dedicata al cibo degli dei, in programma dal 28 di Ottobre al 1 di Novembre prossimi. L’originale quanto golosa riproduzione in scala della penisola e alcuni fra i suoi principali monumenti, vanto dell’arte e dell’architettura italiana nel mondo, fra cui la Mole Antonelliana, il Duomo di Milano, il campanile di San Marco a Venezia, la Lanterna di Genova, la Fontana Maggiore a Perugia, il Colosseo, il Maschio Angioino di Napoli ed altri ancora. 

 

                          Concerto Lirico Madame Butterfly

 Il concerto previsto per il 29 0ttobre 2011 al Teatro Garibaldi,  inserito nel contesto delle manifestazioni “ChocoBarocco”, ha per tema la celebrazione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, con brani scelti tra i più significativi e celebrativi del suddetto evento. Saranno eseguite celebri arie tratte dal repertori operistico di Verdi, Rossini, Puccini, Bellini, Donizetti. In omaggio alla  manifestazione, che è basata sul tema delle farfalle, il coro eseguirà alcuni brani tratti dalla Madama Butterfly, di Giacomo Puccini, adeguando la scenografia dei brani al tema trattato.

 

 

Fitness e Cioccolato

Il cioccolato di Modica è sinonimo di benessere. Per tale ragione la manifestazione si arricchisce di momenti legati al benessere fisico con l’allestimento di un vero e proprio centro benessere inteso come luogo dove poter svolgere attività fisica. Campioni nazionali ed internazionali delle più importanti discipline sportive si alterneranno nella area fitness per svolgere delle vere e proprie lezioni che serviranno a svelare i segreti della disciplina stessa ma allo stesso tempo a far trascorrere qualche ora in modo salutare.

 

 

 

AREA CONSORZIO

STORIA,CULTURA,SCIENZA,TUTELA E PROMOZIONE

 

Il Consorzio di Tutela del Cioccolato Artigianale di Modica dal 2003 impegnato per la tutela del prodotto oggi a pieno titolo simbolo della Città contribuisce ogni anno a fianco della Amministrazione Comunale alla realizzazione dell’evento occupandosi degli aspetti storici ,culturali, scientifici e promozionali volti a rafforzare la richiesta alla Comunità Europea per la concessione del marchio di tutela IGP (Indicazione Geografica Protetta).

 

 

 

INCONTRO CON LA COMUNITA’ SCIENTIFICA

“Il Cioccolato di Modica : effetti salutistici,proprietà terapeutiche e nutrizionali”

Esperti, studiosi , ricercatori,nutrizionisti e giornalisti esamineranno i risultati delle ultime ricerche che consentiranno di certificare le qualità del nostro Cioccolato. Saranno presenti fra gli altri, Piero Angela, Barbara Bernardini , Naomi Fisher.

 

 

 

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

ITINERARI CULTURALI EUROPEI

CACAO E ZUCCHERO SUBLIME MARIAGE IN EUROPA

Il programma degli “Itinerari Culturali Europei” è stato lanciato dal Consiglio d’Europa nel 1987 come veicolo di comunicazione, di scambio culturale tra le nazioni e le culture europee e come strumento per consolidare l'identità europea: come tali sono considerati  patrimonio europeo da salvaguardare.

L’idea di fondo è quella di mostrare, in modo visibile, attraverso un viaggio nello spazio e nel tempo, che il patrimonio dei diversi paesi europei è in realtà un patrimonio culturale comune.

Il progetto del “Percorso Culturale europeo del Cacao/Cioccolato” si propone di ripercorrere le orme della diffusione in Europa del cioccolato collegando i vari distretti cioccolatieri europei che hanno saputo mantenere nella loro produzione criteri qualitativi, storici e culturali caratterizzando e qualificando il loro territorio di riferimento.

La presentazione del Progetto vedrà direttamente coinvolte la UNIONCAMERE  e le CCIAA dei distretti del Cioccolato.maestri cioccolatieri, giornalisti e rappresentanti delle istituzioni nazionali ed Europei.

Esperienze di percorsi culturali europei a confronto : “La rotta dei Fenici”-”Iter Vitis”-Le Vie della Francigena”.

 

 

 

 

 

 

EUROPA - PACCHETTO QUALITA’

 

Il Cioccolato entra a pieno titolo fra i prodotti ammissibili alla tutela.

Incontro con il Presidente della Commissione Agricoltura dl parlamento Europeo On. Paolo De Castro e L’On. Giovanni La Via Parlamentare Europeo .

Invitati a partecipare :Ministro dell’Agricoltura On. Saverio Romano,

Commissario Europeo alla Agricoltura Dacian Ciolos

Assessore Regionale alla Agricoltura,Direttore Generale MIPAF.

 

Verrà presentato il Nuovo Disciplinare di produzione del Cioccolato Artigianale di Modica.

L’evento sarà condotto dalla Cna  e dalla CCIAA.

 

 

 

MOSTRA DOCUMENTARIA BIBLIOGRAFICA

 

“Il Cioccolato di Modica nelle carte dei Grimaldi”

                              1746 – 1911

Presentata nella precedente edizione di Chocobarocco, si avvale adesso di un nuovo segmento frutto della ricerca condotta in collaborazione con Benedetto Gugliotta – ricercatore della Fondazione Grimaldi .

Saranno presentate in prima assoluta i riconoscimenti conseguiti dal rinomato “Caffe’ Orientale” ,in occasione delle Esposizioni Nazionali e Internazionali, nel primo decennio del ‘900.IL CTCM HA DECISO DI RENDERLA PERMANENTE AFFINCHE VIAGGIATORI TURISTI E VISITATORI POSSANO LIBERAMENTE FRUIRE E CONOSCERE LA STORIA DOCUMENTATA DEL RINOMATO CIO DI MODICA .

 

 

 

 

                                                                                                       

 

 

INAUGURAZIONE “Tradizionale fabbrica di cioccolato”

 

 LA RIPROPOSIZIONE DELLA ANTICA FABRICA DEL CIOCCOLATO REALIZZATA CON ATTREZZI, STRUMENTI,ED UTENSILI DI CERTIFICATA TRADIZIONE MODICANA. E ANIMATA DA MAESTRI ARTIGIANI CIOCCOLATIERI DI ESPERIENZA PIU’ CHE TRENTENNALE NELLA PREPARAZIONE DEL CIOCCOLATO A FREDDO,AUTENTICA PECULIARITA DOLCIARIA DI MODICA., CITTA AVVOLTA DALLA MAGIA DEL SUO CIOCCOLATO

 

CHOCOSCULTURE

Scultori, artigiani studenti in competizione su blocchi di Cioccolato.

L'evento sarà preceduto dalla consegna alla “Galleria delle Sculture di Cioccolato” del Consorzio dell’opera realizzata a Castellana Sicula dal Maestro Tavarella (cliccando verrà visualizzata la foto del Maestro Tavarella insieme alla scrittrice Marina Maria Iosè Riotto) ispirato dalla favola per bambini 'LE AVVENTURE DEL GENIO CIOK CIOK' della scrittrice Marina Maria Iosè Riotto, in occasione della manifestazione organizzata dalla ASSOPECO.

 

 

ECCELLENZE AGROALIMENTARI DEL SUD-EST

Consorzi di tutela a confronto su qualità,promozione e mercato.

Caciocavallo Ragusano,Carota di Ispica,Ciliegino di Pachino,Cioccolato di Modica,Datterino di Scicli,Olio Monti Iblei.

Con MIPAF, Ass. Reg.le Agricoltura,Agriqualità, Camere di Commercio di Ragusa e Siracusa, Associazioni dei produttori agricoli,GDO.

 

 

SAVE THE CHILDREN

Riflessioni su : I bambini tra sofferenza e bisogno.

Studiosi, sociologi, psicologi a confronto

Testimonial Valeria Solarino

- Chococharity

Borgo Don Chisciotte per la solidarietà

Cena di gala organizzata dalla Accademia della Cucina.

 

 

 

CHOCOSALOTTO : INCONTRO CON I CONTEMPORANEI

Tre serate per incontrare,scoprire ,conversare con autori di libri di narrativa e saggistica di grande attualità.

Nel corso delle conversazioni sarà servita Cioccolata Calda in tazza.

 

 

CACAO E CAFFE’

DUE ESPERIENZE INTERNAZIONALI A CONFRONTO

INCONTRO FRA GRANDI MODERATO DA GIANNI MILANO

GIORNALISTA DI RAI UNO

 

LABORATORIO LIVE IN PIAZZA MATTEOTTI

I MAESTRI CIOCCOLATIERI METTONO IN MOSTRA L’ARTE ANTICA DI FABBRICARE IL CIOCCOLATO DI MODICA.

LEZIONI PER PICCOLI E GRANDI GOLOSONI CHE POTRANNO METTERE LE MANI IN….CIOCCOLATO

 

 

 

 

 

 

 

PREMIO MARIA SCIVOLETTO – 4°  EDIZIONE

 

 

PREMIO GIORNALISTICO “PIPPO TUMINO” 1° EDIZIONE

ORGANIZZATO DALLA CNA E DALLA CCIAA


Chiudi

Gli atleti del CENTRO IPPICO I DUE PINI DI MODICA non passano inosservati a Brescia.

Pubblicato il 17 Settembre 2011

CENTRO IPPICO I DUE PINI DI MODICA h1>Gli atleti del CENTRO IPPICO I DUE PINI DI MODICA


CIRCOLO IPPICO I DUE PINI

 C.DA SCORRIONE ZAPPULLA N.4 – MODICA

EQUITAZIONE

COMUNICATO STAMPA

IN DATA 04.09.2011 PRESSO IL CENTRO SPORTIVO “ IL LAGO DELLE SETTE FONTANE” , CASTELLETTO DI LENO (BRESCIA) SI è DISPUTATO IL CONCORSO IPPICO NAZIONALE DI SALTO OSTACOLI “ONE DAY EVENT” FINALE NAZIONALE, DELL’ENTE NAZIONALE GUIDE EQUESTRI AMBIENTALI . SOTTO L’ALTO PATROCINIO DEL MINISTERO DELLA GIOVENTU’ . ALLA MANIFESTAZIONE SPORTIVA PARTECIPAVANO LE RAPPRESENTATIVE REGIONALI DELLA LOMBARDIA , VENETO , LIGURIA , PIEMONTE, VENETO , PUGLIA, EMILIA ROMAGNA, CON CIRCA CENTOTTANTA CAVALIERI .

 LA SICILIA VENIVA RAPPRESENTATA INTERAMENTE DAGLI ATLETI DEL CIRCOLO IPPICO “I DUE PINI “DI MODICA , SOCIETA’ CAMPIONE REGIONALE 2011,  CON BEN TRE TITOLI REGIONALI NELLE CATEGORIE INDIVIDUALE ED A SQUADRE. 

I GIOVANISSIMI CAVALIERI ED AMAZZONI ALLENATI DAI TECNICI : ISTRUTTORE PONY II°LIVELLO ALESSANDRA COLOMBO ED  ISTRUTTORE DIRIGENTE NAZIONALE GIORGIO BISCARI , HANNO CONQUISTATO L’INTERO PODIO NELLA CATEGORIA JUMPING 40 CON IL I° POSTO DI STEFANIA CARUSO , II°POSTO  KATIA AGOSTA, III°POSTO  EUGENIO INCATASCIATO (CAMPIONE REGIONALE  2011 DI CATEGORIA) , IV°POSTO DI AGATA BISCARI .

ALTRO OTTIMO RISULTATO E’ STATO IL PODIO EX-EQUO NELLA CATEGORIA MEDIA  DELL’ALTRO ATLETA MODICANO ANGELO FRASCA CACCIA , GIA’ VICE –CAMPIONE REGIONALE.

AL  PODIO ASSOLUTO  PIU’ ALTO ,  E’ SALITO IL  GIOVANE  MODICANO PIERO BISCARI (CAMPIONE REGIONALE 2011 DI CATEGORIA) CHE HA SBARAGLIATO IN UN AVVINCENTE PRIMO PERCORSO NETTO , E NEL SUCCESSIVO BARRAGE A TEMPO CONCLUSO IN SOLI 0,54”,066centesimi , I BEN PIU’ TITOLATI CONCORRENTI LOMBARDI E VENETI , NELLA CATEGORIA ALTA A 13 SALTI,  IL TUTTO SOTTO UNA VIOLENTISSIMA PIOGGIA , CONQUISTANDO IL TITOLO DI CAMPIONE ITALIANO E.N.G.E.A.  .

AL GIOVANE MODICANO E’ ANDATO INOLTRE IL PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO DELLA “COPPA DEL PRESIDENTE” PER IL MERITO SPORTIVO , PREMIO CONSEGNATO PERSONALMENTE LA PRESIDENTE NAZIONALE E.N.G.E.A.  DR. MAURO TESTARELLA.

UN PARTICOLARE RINGRAZIAMENTO E’ ANDATO ALL’ASSESSORE PROVINCIALE ALLO SPORT , GIROLAMO CARPENTIERI CHE HA PATROCINATO LA TRASFERTA DELLA RAPPRESENTATIVA SICILIANA , DAL PRESIDENTE DEL CIRCOLO IPPICO I DUE PINI  ALESSANDRA COLOMBO.

IL CIRCOLO IPPICO I DUE PINI CONCLUDE CON LA CONQUISTA DEL TITOLO NAZIONALE UN FANTASTICO ANNO SPORTIVO 2011 , PIENO DI SUCCESSI .

NOTA BENE :

 PER ULTERIORI INFORMAZIONI TEL . 338/9813009

SONO A DISPOSIZIONE FOTO E VIDEO DELLA GARA.

Chiudi

Salute: Nasce a Modica Il Primo Cioccolato Light Del Mondo

Pubblicato il 2 Settembre 2011

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO NEWS SU CHOCOBAROCCO 2011


SALUTE: NASCE A MODICA IL PRIMO CIOCCOLATO LIGHT DEL MONDO

    (ANSA) - ROMA, 30 AGO - Arriva da Modica (Ragusa) una pronta

risposta ai cardiologi che, al congresso europeo in corso a

Parigi, hanno sottolineato - sulla base di uno studio pubblicato

dal British medical Journal - come il cioccolato faccia bene al

cuore, riducendo di un terzo il rischio di malattie cardiache,

ma che occorrerebbe ricette con meno grassi e zuccheri per il

'cibo degli dei'. Nasce nel rinomato distretto cioccolatiero

siciliano il primo cioccolato 'light' del mondo e a presentarlo

sara' il Consorzio di Tutela del Cioccolato Artigianale di

Modica, nell'ambito di Chocobarocco 2011 che si terra' dal 28

ottobre al 1 novembre.

  Il cioccolato artigianale prodotto, supervisionato da un pool

di nutrizionisti, conterra' soltanto due ingredienti (pasta di

cacao e zucchero) e aromi naturali (vaniglia o cannella). Sulla

base di un'antica tecnica di lavorazione del cioccolato

Modicano, che risale ad una ricetta di Casa Grimaldi del 1746, e

che mette al bando i grassi, consentendo di ottenere un prodotto

a prova di medico. ''I flavonoidi per il loro forte potere

antiossidante, l'epicatechina e i suoi metaboliti, che fanno da

scudo alle cellule cerebrali proteggendole direttamente dal

danno dei radicali liberi, fanno del cioccolato a freddo

modicano un ottimo cardioprotettivo riducendo, come la ricerca

scientifica ha dimostrato, sia gli attacchi cardiaci che il

pericolo di ictus'' conclude il direttore del Consorzio,

Antonino Scivoletto. E in occasione di Chocobarocco saranno

presentati a Modica i risultati di una degustazione test

compiuta da alcuni noti gourmet, che assegneranno un "voto

gustativo" all'esordiente cioccolato light.(ANSA).

Chiudi

Chocobarocco 2011

Pubblicato il 16 Agosto 2011

Cartolina ChocoBarocco
Chiudi

Il Cioccolato Artigianale Di Qualità

Pubblicato il 06 Luglio 2011

Image005
Image005

SARA’ DOC, PROTETTO E GARANTITO

 

Un passo avanti concreto per aiutare l’agroalimentare europeo a competere e  a salvaguardare i prodotti tipici nazionali, come il cioccolato artigianale italiano di qualità. E’ stato infatti approvato dalla Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, presieduta dall’Onorevole Paolo De Castro, il “pacchetto qualità”, cioè la base   per l’intera evoluzione normativa comunitaria in tema di produzioni Dop, Igp e Stg. Un atto che va nella direzione di rafforzare i produttori agricoli e alimentari europei rispetto a quelli dei Paesi terzi, agevolando la creazione di marchi di qualità. Forte l’attesa per la votazione in plenaria a settembre.

 

Grande soddisfazione è stata espressa  in una nota congiunta, da CNA Alimentare, la Confederazione dell’artigianato e pmi dell’alimentare e dall’Associazione Fine Chocolate Organization, una  realtà associativa nazionale che rappresenta in Italia  un  gruppo selezionato di imprese artigiane, produttrici di cioccolati d’eccellenza, da sempre impegnati per la valorizzazione e promozione dei Cioccolati d’Italia. “Un primo passo importantissimo per valorizzare le produzioni storiche cioccolatiere che sono legate ai territori  e che la nostra associazione e CNA rappresentano, impegnandosi per la loro tutela, anche attraverso progetti come “Cioccolati d’Italia.”-  ha dichiarato Mirco Della Vecchia, Presidente di  Fine Chocolate Organization e Vice- Presidente CNA Alimentare – “Ringrazio tutti coloro che si sono impegnati per questo risultato, e in particolare il Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica per la costanza con cui ha continuato questa importante battaglia, che rappresenta un’incredibile opportunità per il nostro sistema agroalimentare, per la quale anche CNA Alimentare ha profuso il proprio impegno: i cioccolatieri italiani stanno finalmente ottenendo nuove misure per la tutela delle loro produzioni d’eccellenza.”

 

In pratica, la nuova legislazione proposta costituirà un unico insieme di regole per l’etichettatura e la certificazione di qualità di alimenti come formaggi, birra, paste alimentari, olio, pane e pasticceria con origine in una determinata area geografica. Le nuove regole approvate dalla commissione che si applicheranno per la prima volta anche alla categoria cioccolato, avranno procedure più snelle e accessibili ,che permetteranno di abbreviare i tempi e quindi incoraggiare la registrazione di nuove denominazioni.

Con il via libera in Commissione del nuovo regolamento è stata rafforzata una delle principali leve competitive del sistema agroalimentare italiano. Rispetto alla proposta iniziale dell´Esecutivo, è stato ottenuto il risultato dell’inserimento del cioccolato tra i prodotti di denominazione d’origine, indicazione protetta ed stg, compiendo un passo concreto verso il consolidamento della prospettiva della qualità come fattore d’eccellenza nel mercato e come strumento di garanzia dei consumatori.

 

 

Roma, 5 luglio 2011

 

 

Fine Chocolate Organization

Via Francesco Briganti 93 - 06127 Perugia (Italy)

Office: +.39.075.50.51.681

Fax: +39.075.90.33.145

Mailto: press@finechocolate.org

Chiudi

I parchi letterari in sicilia

Pubblicato il 31 Maggio 2011

Isabella Lorefice  pubblica ne 'I PARCHI LETTERARI IN SICILIA'  http://www.oliviaemarino.it/itinerari-dello-sfizio/dettaglio-itinerario/i-parchi-letterari-in-sicilia-442 il suo 'viaggio attraverso i luoghi che hanno ispirato illustri scrittori nelle loro celebri opere' (sito PAVESI). 
Chiudi

Impegno del Mipaaf per il riconoscimento Igp del cioccolato di Modica [it]

Pubblicato il 29 Maggio 2011

cioccolato di Modica 

Nel momento in cui il cioccolato sarà incluso tra i prodotti che possono avere il marchio Igp, inizieremo la predisposizione del dossier per il riconoscimento del Cioccolato di Modica che mi auguro possa essere il primo Cioccolato europeo ad ottenere l’Igp, ha affermato il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Saverio Romano.

“L’Ue ha già esaminato la proposta di inclusione del prodotto cioccolato nell’elenco dei prodotti che possono ottenere l’Igp all’interno del nuovo regolamento sui prodotti di qualità in corso di definizione a Bruxelles. Ora manca soltanto l’approvazione definitiva comunitaria per la quale garantisco da parte mia il massimo interessamento, considerato che in Commissione il provvedimento è stato approvato all’unanimità. Nel momento in cui il cioccolato sarà incluso tra i prodotti che possono avere il marchio Igp, inizieremo la predisposizione del dossier per il riconoscimento del Cioccolato di Modica che mi auguro possa essere il primo Cioccolato europeo ad ottenere l’Igp.”

Così il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Saverio Romano al termine di un incontro avuto con Nino Scivoletto il direttore del Consorzio di tutela del Cioccolato di Modica.
“La segreteria tecnica del Ministero coordinerà le azioni tra il Mipaaf e il Consorzio di tutela del Cioccolato di Modica per la pronta definizione delle procedure utili per il riconoscimento di questo grande prodotto della tradizione siciliana e italiana. Gli uffici del Ministero sono impegnati in questo senso sin da ora. ”

L'infiorata di noto mostra le "due anime" di Svetlana Smyshlyayeva

Pubblicato il 12 Maggio 2011

brochure svetlana fronte brochure svetlana retro
locandina svetlana thumb quadro svetlana



Comunità Europea

Regione Siciliana

Comune di Noto /Assessorato al Turismo

Unesco /Patrimonio dell'Umanità

Po fesr

Studio Barnum contemporary

EVENTO INSERITO NEL CARTELLONE REGIONALE DEL

CIRCUITO DEL MITO E NEL PROGRAMMA DELL'INFIORATA DI NOTO 2011


Vi preghiamo di voler diffondere questo comunicato per invitare il pubblico a lasciarsi coinvolgere nell'affascinante ed insolito mondo di quest'artista siberiana che la Regione Siciliana insieme al Comune di Noto, ospiterà a Noto durante i giorni dell'Infiorata, fino all'11 giugno 2011.

La Sua presenza sarà particolarmente gradita.

Grazie Vincenzo Medica



 

due anime

 

selezione di dipinti di

Svetlana Smyshlyayeva

 

NOTO _ Palazzo Nicolaci di Villadorata



11 maggio /11 giugno 2011

inaugurazione VENERDI 13 MAGGIO ORE 18.30

presentazione critica di Michele Romano

a cura di Vincenzo Medica


ANIME  FELINE

la duplice metafora nell’arte di Svetlana Smyshlyayeva

La natura felina e mitica nell’opera d’arte di Svetlana è intrinsecamente  autobiografica; l’artista siberiana rievoca lontane narrazioni o fiabe, il mito della donna/animale, femme fatale, donna/  fenice che rinasce dalla sua metamorfosi antropomorfa e zoomorfa, una immaginifica arpia alata, mitiche figure  rapitrici dell’Anima.

L’indagine iconografica di Svetlana rivela una fisiognomica animale, lo sguardo del felino che reinterpreta la passione intrinseca dell’artista; femminee corporalità che suscitano emozioni altre, una ascesa dal corpo all’essenza dell’Anima o delle Anime feline.

Labirintica e velata la sua produzione artistica è consona al dedalo aulico e settecentesco di Palazzo Nicolaci a Noto, frammenti o tessere che svelano una galleria o pinacoteca dell’umano nella sua duplice veste femminea e tigrata, pantera e danzatrice, una sinuosa linea che rievoca l’eleganza mitica e mistica di una aristocrazia senza tempo.

Michele Romano

Accademia di Belle Arti “Val di Noto”

 

Biografia

Svetlana Smyshlyayeva nasce a Surgut, in Siberia, nel 1974. Frequenta, nel proprio paese d’origine, la scuola d’arte conseguendo il diploma di Maestro d’arte pittorica. Dal 1992 al 1995 insegna nella scuola d’arte da lei stessa frequentata e nel 1999 si trasferisce a Venezia, un luogo che avvicinerà l’artista all’arte dei maestri vetrai di Murano con i quali collabora.

Tra il 2004 e il 2006 realizza delle formelle di vetro lavorate con la tecnica del graffiato e decorate con smalti e oro. Attualmente la sua produzione artistica spazia dai tromp l’oeil al classicismo, utilizzando la tecnica dell’olio su tela.

 

Eventi espositivi


2011:         mostra personale al Teatro San Gallo, Venezia

2008/2009    mostra collettiva d’arte a Latisana (PN)

2007           mostra personale in piazza S.Marco (Venezia)

2006           mostra personale Hotel Panorama (Venezia)

2005           mostra personale Hotel Balocco (Porto Cervo)     

 


 

                                                     FELINE   SOULS
               

            The Double Metaphor in the Art of Svetlana Smyshlyayeva


The feline and mythical nature of Svetlana’s work of art is essentially autobiographical. The Siberian artist evokes distant narrations or fairy tales, the myth of the  animal- like-  woman, the fatal woman, the phoenix rising from its anthropomorphic and zoomorphic metamorphosis, an imaginative winged harpy, mythical figures known  as kidnappers of the  Soul.
Svetlana’s  iconographic study reveals an animal physiognomy, the look of the feline that reinterprets the intrinsic passion of the artist; feminine corporality’s  evoking different emotions, an ascent from the body to the essence of the soul, or of the feline Souls.
Her labyrinthine, veiled artistic production is in keeping with the courtly 18th Nicolaci Palace in Noto, fragments or pieces revealing a gallery of  the human soul in its dual  feminine and tiger form, panther and dancer, a sinuous line evoking the mythical and mystique elegance of a timeless aristocrazy.

                                               Michele Romano  
                                                                            Fine Art Academy "Val di Noto"

Biography

Svetlana Smyshlyayeva was born in Surgut, Siberia, in 1974. She attended the art school in his country of origin, obtaining the Master in Art Painting. From 1992 to 1995 she  taught at the art school she had already attended, and in 1999 she moved to Venice, a place where the artist met  the Murano glassmaker masters she still collaborates with.
Between 2004 and 2006, she realises some  glass panels made with the  scratched technique and decorated with enamels and gold. Nowadays,  her artistic production  ranges from trompe l'oeil to classicism, using the oil on canvas technique.

Exhibition events

2011:       Solo exhibition at San Gallo Theatre, Venice

2008/2009 : Art Group Exhibition in Latisana (PN)
2007:           Solo exhibition in Piazza San Marco, Venice
2006:           Solo exhibition at Panorama Hotel, Venice
2005:           Solo exhibition at Balocco Hotel in Porto Cervo

 

 

                                                       ( Courtesy translated by Dorotea Caldarella )

     


Si ringrazia: On. Fabio Granata, Avv. Corrado Valvo,

Lino Elicona, Costanza Messina, Federico Alessi,

RTI Arato tourist service, IES Allestimenti, TNT Traco per la logistica

                                                                                     


INFO MOSTRA e SOGGIORNO A NOTO : 347 6390763     www.notarte.it   www.comune.noto.sr.it   www.studiobarnum.it
 
ci trovi pure su facebook alla pagina nOtArTe gli ARTISTI del VAL di NOTO
 

 
Questa newsletter è inviata a 3700 utenti, tra artisti, galleristi, critici, professionisti, o semplici appassionati d'arte.
Se non vuoi più riceverla basta scriverci "CANCELLAMI".

 

 

This newsletter is sent out to 3700 users, artists, gallerists, criticians, art professionals or just art lovers.
If you don't want to receive it any more, reply writing "CANCEL".
 
 
 
_____________________________________
Vincenzo Medica   architetto designer
Studio Barnum   contemporary
NotArte   artisti associati del Val di Noto
Centro di NOTOrietà  Ex Collegio dei Gesuiti
 
via Silvio Spaventa, 4
96017 - Noto - Italy
+39 347 6390763
+39 0931 574797
vimedica@studiobarnum.it

Chiudi

Architetta un uovo

Pubblicato il 30 Aprile 2011

Architetta un uovo
  Architetta un uovo
così si è intitolata una lodevole manifestazione svoltasi a Ragusa nei locali di AGORA'.
In sintesi architetti quali, Gaetano Manganello, Carmelo Tumino, Marco Garfì, con la collaborzione di Vittorio Battaglia, Antonino Cannata, Vincenzo Castellana, Cottone+Indelicato, Giuseppe Fisichella, Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, Antonio Iraci, Sandro La Perna, Giuseppe Merendino, Daniele Migliorisi, Mario Castello, Marco Navarra, Francesco Nicita, Kurtagic Nisveta, Salvatore Pellitteri, Salvo Puleo, Fiorenza Roccella, Ennio Torrieri, hanno disegnato alcune uova di Pasqua o ciò che per loro rappresentano e hanno commissionato la loro realizzazione all' istituto alberghiero 'Principe Grimaldi' di Modica e ai maestri pasticceri della contea di Modica, Concetto Cicero, Andrea Iurato, Antonio Pitino, Aldo Puglisi, Davide Puglisi e Tonino Spinello.
La manifestazione si è svolta in una elegante cornice, visitata da molti nomi importanti della nostra provincia, tra i quali l' amato Sindaco di Ragusa Nello Dipasquale, che trovate in una delle foto insieme all' architetto Carmelo Tumino.
Vicino a una delle loro opere trovate anche i maestri pasticceri Andrea Iurato della pasticceria CASALINDOLCI, Davide Puglisi della pasticceria DOLCEMILLENNIO (che trovate anche nell' inserto pubblicato su 'LA SICILIA') e Antonio Pitino della pasticceria DOLCESALATO.

Pubblichiamo in ritardo l' articolo visti i blocchi che ci sono stati sui server Aruba.
Chi volesse spedirci altri commenti o foto saremo lieti di pubblicarli.
 
DSCF3558 DSCF3559 DSCF3560
DSCF3561 DSCF3562 DSCF3563
DSCF3564 DSCF3565 DSCF3566
DSCF3567 DSCF3568 DSCF3569
DSCF3570 DSCF3571 DSCF3572
DSCF3574 DSCF3575 DSCF3576
DSCF3577 DSCF3578 DSCF3579
DSCF3580 DSCF3581 DSCF3582
DSCF3583 DSCF3584 DSCF3585
DSCF3587 DSCF3588 DSCF3589
DSCF3590 DSCF3591 DSCF3593
DSCF3594 DSCF3596 DSCF3598
Chiudi

Rockerilla | Maggio 2011

Pubblicato il 5 Maggio 2011

Rockerilla Maggio 

Questo mese sulla rivista ROCKERILLA consigliamo la pasticceria CHANTILLY, immersa nel centralissimo centro storico di Modica, potete assaggiare, oltre al buonisssimo cioccolato Modicano, anche i gelati, le squisite torte e altre prelibatezze del maestro pasticcere Angelo Cataldi.

Chiudi

Queztal, la cioccolata di Modica apprezzata dai puristi con ingredienti del commercio equo e solidale

Pubblicato il 12 Aprile 2011

Modica 550a
 
Que Vaniglia 100g

I clienti dei prodotti equosolidali lo conoscono bene, perché ormai dal 1995 occhieggia, nella sua confezione rustica ( “carta da pacco” legata da un filo di corda), dagli scaffali delle botteghe. E’ il cioccolato di Modica prodotto dalla Cooperativa sociale Quetztal.

Devo confessare che, da profana del cioccolato quale sono, la prima volta che l’ho mangiato ho pensato che fosse di qualità scadente: aspetto poco lucido e con macchie chiare in superficie, sapore molto inteso e, soprattutto, la strana sensazione di sentire i granelli di zucchero sotto i denti.

In realtà, quelli che ai miei occhi sono difetti, sono il pregio di questa cioccolata, apprezzata dai puristi non solo per il sapore verace, ma anche per alcuni “valori aggiunti” che ne fanno un prodotto alternativo.

Il primo: Queztal è cioccolato modicano tradizionale, che a sua volta è un recupero storico della cioccolata di Maya e Aztechi.

ilfattoalimentare.it

Chiudi

PRESENTATA UFFICIALMENTE LA DATA DI CHOCOBAROCCO 2011, FISSATA PER IL 28, 29 E 30 OTTOBRE

Pubblicato il 06 Aprile 2011

Si è svolto il 31 marzo scorso a Torino lo“special event” di CIOCCOLA-TO’2011 dedicato al Cioccolato di Modica.
Presso la sede della Fondazione Accorsi Ometto, un pubblico attento ha potuto seguire la presentazione della mostra “Il cioccolato di Modica nelle carte dei Grimaldi”, che narra l’origine, 1746, dell’ormai famosa barretta.
Ha aperto i lavori, portando i saluti del Presidente Giulio Ometto e del Cda, la Direttrice Arabella Cifani, che ha posto l’accento sulle ragioni che hanno indotto la Fondazione a ospitare la mostra contenute nell’alto valore culturale e scientifico della ricerca su un prodotto e un territorio oramai riconosciuti elementi caratterizzanti della eccellenza italiana.                     
Il Vice Sindaco di Modica ha quindi assunto la presidenza dei lavori ringraziando la Fondazione e i numerosissimi ospiti fra i quali Paolo Alberti Segretario Provinciale della CNA di Torino; Elena Schina Presidente della Unione Alimentare CNA di Torino; Fabio Romano Presidente della AIBES del Piemonte; Eugenio Guarducci Direttore Generale di Cioccolatò.
Ha quindi rilevato il valore della sinergia tra il Comune e il Consorzio che ha già prodotto notevoli e positivi risultati già nella recente edizione di Chocobarocco, anticipando la data della edizione 2011 che si svolgerà nei giorni 28,29, e 30 ottobre.
Ha quindi illustrato le linee che caratterizzeranno l’edizione 2011 il cui programma sarà presentato a Giugno a Palazzo dei Normanni sede del Parlamento Siciliano.
Dopo i saluti del Sindaco Buscema a nome della Città e del Presidente della CCIAA di Ragusa Cascone, è stato Giovanni Brancati Segretario Provinciale della CNA a sottolineare la felice intuizione dei produttori artigianali che dal 2003 costituitisi in Consorzio, su iniziativa della CNA stessa,hanno iniziato una intensa attività che comincia a registrare importanti risultati.
A portare il saluto del Presidente della Regione, l’on. Riccardo  Minardo, che ha potuto illustrare le azioni che la Regione ha messo in campo per la tutela e la promozione del Cioccolato di Modica favorendo l’iscrizione del prodotto nel REI (Registro Eredità immateriali), inserendo la Città, in un provvedimento di finanziamenti europei di sviluppo riservato alle città UNESCO.
Ha quindi preso la parola il Direttore del Consorzio che ha curato personalmente i rapporti con la Fondazione, per la realizzazione della iniziativa, e per tale ragione ha espresso un ringraziamento particolare alla Dottoressa Cibrario che ha in modo mirabile assunto la regia, e portato i saluti del Presidente Spinello e del Cda del Consorzio.
Scivoletto ha chiarito le ragioni che hanno spinto il Consorzio a finanziare la ricerca, indispensabile per certificare in modo autentico il rapporto fra il territorio e il prodotto, che sta alla base della attribuzione della IGP.
Per la prima volta è scritta la vera storia del Cioccolato di Modica, dopo che per anni si è detto e inventato di tutto pregiudicando un favorevole assenso alla tutela comunitaria del prodotto che rischia di essere “copiato” dopo avere subito anche pericolosi processi di adulterazione.
Scivoletto ha ringraziato le ricercatrici e quanti, con grande professionalità, hanno collaborato alla realizzazione della mostra, anticipando che appena saranno giunte le prefazioni di Antonio Caprarica e Giorgio Calabrese sarà data alle stampe completa del segmento finale frutto della collaborazione che il Presidente della Fondazione Grimaldi Orazio Sortino ha assicurato attraverso il ricercatore Benedetto Gugliotta .
Il Direttore del Consorzio in conclusione ha rivolto l’invito alla Direttrice e al Presidente della Fondazione a partecipare quali ospiti d’onore, alla prossima edizione di Chocobarocco.
Ha quindi preso la parola la Dott.ssa Anna Maria Iozzia che all’epoca della ricerca era Direttrice dell’Archivio di Stato di Ragusa e Sezione di Modica che ha illustrato l’aspetto scientifico della ricerca fornendo ogni particolare sulla natura dei singoli e preziosi documenti, e sulla metodologia che ha ispirato l’intera ricerca.
Grazia Dormiente ha quindi affrontato l’aspetto culturale, quello storico, etnografico, tessendo una meravigliosa tela che parola dopo parola assumeva sempre colori diversi,carichi di sfumature, quasi in grado di trasmettere, agli ammutoliti ospiti,anche i sapori degli ingredienti che si amalgamavano fra loro sotto i colpi di arnesi rudimentali di pietra lavica( a valata ra ciucculata)mossi da sapienti mani di artigiani che ancora oggi regalano al mondo il culto e la trazione del cioccolato di Modica.
La Dormiente si è soprattutto soffermata sul valore della ricerca, sotto il profilo storico, che ha definito di natura “anagrafica”, e sopra il valore indiscutibile delle fonti.
Nel chiudere i lavori, il Vice Sindaco Enzo Scarso ha rivolto l’invito alla Direttrice e al Presidente della Fondazione a partecipare, quali ospiti d’onore, alla prossima edizione di Chocobarocco.
Un lungo applauso ha chiuso i lavori, e aperto, nel foyer ,una degustazione di Cioccolato di Modica sia solido che liquido,offerto da tutti i produttori del Consorzio.

Chiudi



Vai alla pagina:  7  -  6  -  5  -  4  -  3  -  2  -  1