Barretta Cioccolatomodica.it
Cioccolatomodica.it
Cioccolatomodica.it

Mappa:  Home page > Sezioni > Eventi > Chocoandino 2010







Nuovo sito Versione 5.0 in lavorazione.

Le Sezioni

Rassegna stampa

Riceviamo e pubblichiamo le vostre notizie, cliccate sul pulsante sottostante per raggiungere la pagina delle news.


Ultima News:
CHOCOBAROCCO 2012
Vai >

CHOCOBAROCCO 2013



In occasione di Eurochocolate 2012 che è in corso a Perugia fino al 28 Ottobre viene resa pubblica la data del prossimo CHOCOBAROCCO che si terrà a Modica dal 7 al 10 Marzo 2013, questo l'accordo trovato dal Comune di Modica e dal Consorzio di tutela del cioccolato artigianale di Modica.

Seguono aggiornamenti per il fitto programma già in preparazione...


LAVORA CON NOI


CERCASI COLLABORATORI PER IL PORTALE INTERNET


Contattaci

Condividi

Produttore, Rivenditore, Grossista?
Apple iPhone 3GS

Cioccolatomodica.it è iPhone, iPod Touch e iPad Compatibile!

JOYCLUB

JOYCLUB

Consorzio del Cioccolato di Modica
Comune di Modica

Chocoandino 2010


E' stato inaugurato oggi a Bogotà con la partecipazione di oltre 400 produttori di cacao e cioccolato dalla Colombia, Perù, Ecuador, Bolivia ed dei maestri cioccolatieri italiani “Chocoandino”, progetto di promozione e coesione sociale e produttiva del cacao e cioccolato andino, promosso dall’Istituto Italo-Latino Americano e Fedecacao, con il contributo della Cooperazione Italiana allo Sviluppo ed in collaborazione con la Fine Chocolate Organization, che proseguirà fino al 17 Luglio prossimo.

Nel corso del seminario inaugurale hanno dato il loro saluto Jose Omar Pinzon Useche, presidente di Fedecacao, Gustavo Arteta, socioeconomico dell’IILA, Rafel Mejia Lopez, presidente SAC, Colombia, Maria Concetta Giorgi del Ministero per lo Sviluppo Economico, Juta Gutierrez de Pineros, SENA e l’ambasciatore italiano in Colombia Gerolamo Schiavoni.

Il progetto, che si concentra sulle produzioni di cacao dell’area andina, ha due obiettivi sostanziali: avvicinare i piccoli produttori locali alle aziende italiane che realizzano prodotti cioccolatieri di alta qualità. E, così facendo, porre le basi per una filiera corta del cacao, costruendo partnership commerciali e nuovi canali di approvvigionamento diretto. La presenza di intermediari che decidono prezzi e impongono i prodotti danneggia infatti sia i piccoli produttori, costretti ad accettare prezzi spesso molto bassi, sia i maestri cioccolatieri, che non possono selezionare personalmente le piantagioni migliori.

Questo scambio culturale, sociale ed economico è di grande rilevanza per la Colombia. Nel Paese si producono infatti 36.118 tonnellate all’anno di cacao. Il cioccolato prodotto nell’area andina rappresenta il 5% della produzione mondiale e, di questo, il 70% viene prodotto con ‘cacao fino de aroma’.

 “Dopo i successi del ChocoLatino in Ecuador e il ChocoCaribe di Santo Domingo, l’IILA su richiesta della Fedecacao, stiamo realizzando il terzo progetto di Coesione Sociale e Produttiva dei piccoli produttori di cacao e cioccolato dei paesi dell’America Latina.” – dichiara Gustavo Arteta, Segretario Socio-Economico dell’Istituto Italo-Latino Americano – “L’evento si svilupperà in vari moduli di lavoro quali la formazione, il trasferimento di know-how,  la creazione di opportunità di commercio e investimento a favore di associazioni o cooperative di piccoli e medi produttori. Un’intensa settimana di lavoro che culminerà con una sessione di formazione pratica in piantagione e con il conferimento del Premio ChocoAndino, istituito in questa edizione per dare un pubblico riconoscimento al  miglior cacao,  al miglior semielaborato di cacao ed al miglior cioccolato  da tazza della regione andina”.

 

“Per il nostro ministero – ha spiegato Maria Concetta Giorgi, della Direzione Generale per le Politiche di Internazionalizzazione del ministero dello Sviluppo economico – è stato ovvio e naturale partecipare a questa edizione del ChocoAndino, perché abbiamo patrocinato il Progetto sin dalla sua nascita e abbiamo constatato i successi conseguiti in soli tre anni sia in Italia che in Latinoamerica. L’obiettivo del ministero è di promuovere e valorizzare nei mercati esteri le eccellenze del Made in Italy e, in particolare, i settori dell’artigianato agroalimentare; così come quella di accompagnarli istituzionalmente nella ricerca delle migliori materie prime e nella realizzazione delle migliori partnership con l’estero”.

 

All’evento prendono parte produttori di cacao e tecnici di Colombia, Ecuador, Perù, Bolivia. Dall’Italia sono arrivati a Bogotà esperti incaricati della formazione delle cooperative locali e una quindicina di piccole e medie imprese artigianali produttrici di cioccolato di altissimo livello, distribuite su tutto il territorio - dalla Sicilia (Modica) al Piemonte (Cuneo, Torino), dal Veneto (Belluno) alla Toscana (Firenze) e all’Abruzzo (Teramo)– riunite nella Fine Chocolate Organization, l’associazione di artigiani creata per promuovere i prodotti italiani di qualità e per una filiera corta del cioccolato artigianale italiano.

Per l’Italia, tra l’altro, il progetto ChocoAndino rappresenta anche una valida opportunità per promuovere l’esportazione di macchinari. Il governo colombiano ha infatti più volte ribadito l’obiettivo di espandere ulteriormente la già fiorente industria nazionale del cioccolato: il paese intende promuovere lo sviluppo del settore, da un lato attraverso il miglioramento della qualità del cacao e, dall’altro, potenziando la produzione, soprattutto artigianale, di cioccolateria e di altri derivati.

La Colombia è oggi il principale paese consumatore di cioccolato pro capite in America Latina, motivo per cui i maestri cioccolatieri italiani saranno i veri protagonisti della formazione mirata ad accrescere la capacità di produrre cioccolato di qualità in un paese che punta molto su questo settore e che intende svilupparlo anche attraverso la diversificazione delle colture.





Commento di Andrea Iurato della ditta Casalindolci sull'evento

Giuseppe Stracquadanio: "Ecco come mi ha descritto le sue impressioni sull'esperienza in Colombia Andrea Iurato della ditta Casalindolci e di seguito le foto da lui fornite"

"Come commento alle foto posso dirti che la visita in piantagione per me è stata come chiudere un cerchio sul processo del cioccolato dato che quì abbiamo sempre lavorato la materia prima ma nessuno di noi( o buona parte) non sà cosa realmente accade dall'altra parte del mondo, delle persone che indirettamente lavorano per noi, e delle speranze che nutrono nei confronti di noi artigiani..

ti dirò che conoscere i produttori è stata un'esperienza di crescita professionale meravigliosa, e oltretutto il corso al quale ho potuto partecipare mi ha insegnato un sacco di cose riguardo alle domande da porsi prima di acquistare della massa di cacao.

Saluti
Andrea
Iurato"





Foto dell'evento fornite da Andrea Iurato

SAM 0461 SAM 0462 SAM 0463 SAM 0464 SAM 0465 SAM 0466 SAM 0467 SAM 0468 SAM 0469 SAM 0470 SAM 0471 SAM 0472 SAM 0473 SAM 0474 SAM 0475 SAM 0476 SAM 0477 SAM 0478 SAM 0479 SAM 0480 SAM 0481 SAM 0482 SAM 0483 SAM 0484 SAM 0485 SAM 0486 SAM 0487 SAM 0488 SAM 0489 SAM 0490 SAM 0491 SAM 0492 SAM 0493 SAM 0494 SAM 0495 SAM 0496 SAM 0497 SAM 0498 SAM 0499 SAM 0500 SAM 0501 SAM 0502 SAM 0503 SAM 0504 SAM 0505 SAM 0506 SAM 0507 SAM 0508 SAM 0509 SAM 0510 SAM 0511 SAM 0512 SAM 0513 SAM 0514 SAM 0515 SAM 0516 SAM 0517 SAM 0518 SAM 0519 SAM 0520 SAM 0521 SAM 0522 SAM 0523 SAM 0524